Foto HDR

Tecniche Fotografiche

Fotografia HDR Tecniche e Consigli

Ciao a tutti, oggi parliamo di una particolare tecnica fotografica: l’HDR, acronimo inglese che sta per High Dynamic Range ovvero rappresenta una tecnica per ottenere delle fotografie con elevata gamma dinamica,

vale a dire che si ottiene una fotografia che contenente tutte le variazioni di luminosità tra le aree più scure e quelle più chiare che normalmente il sensore della nostra reflex non è in grado di captare in un unico scatto.

Per capire meglio quando utilizzare la tecnica fotografica HDR e cosa è possibile ottenere, ecco un esempio pratico.

creare foto hdr

Suddividiamo prima di tutta in 2 parti lo sviluppo di una foto HDR.

GLI SCATTI MULTIPLI

Il concetto alla base di questa tecnica è quello di scattare almeno 3 o più foto della stessa scena ad esposizioni differenti. Per questo consiglio vivamente di utilizzare un buon treppiedi in modo che gli scatti riprendano la stessa scena, altrimenti in post-produzione dovremmo prima di tutto allineare le nostre foto.

Un consiglio importante che vi do è di non utilizzare l’apertura del diaframma per ottenere foto con diversa esposizione altrimenti otterremo delle foto con una profondità di campo differente che in fase di post-produzione e di unione degli scatti si trasformeranno in una foto mossa. Utilizzate quindi la vostra reflex o in “modalità manuale” impostando il diaframma e lasciandolo poi fisso, oppure in modalità “priorità di diaframmi” indicata con “Av” per le Canon e “A” per le Nikon.

Per quanto riguarda la messa a fuoco possiamo procedere in due modi: mettiamo a fuoco manualmente la nostro soggetto, oppure utilizziamo la messa a fuoco automatica ed una volta effettuata settiamola su manuale in modo da non correre il rischio che cambi tra uno scatto e l’altro.

Non vi resta altro che impostare il bracketing e scattare la sequenza di foto.

ma che cos’è il bracketing?

Il bracketing o “esposizione a forcella” permette di realizzare diversi fotogrammi (solitamente 3) consecutivamente, uguali per inquadratura e composizione ma con un esposizione differente. Quasi tutte le fotocamere digitali hanno questa funzionalità chiamata AEB Auto Exposure Bracketing  ovvero il Bracketing Automatico dell’esposizione. Oltre ad effettuare il primo scatto con una corretta esposizione ne vengono effettuati altri 2: uno sottoesposto ed un altro sovraesposto, il primo a +1, +2, o +1/3 stop ed il secondo a -1, -2, o -1/3stop (con “stop” + e – intendiamo un fattore che indica l’aumentare o il diminuire della luce che raggiunge il sensore, lo 0 indica una foto correttamente esposta aumentando di +1 stop si otterrà una foto più luminosa e cosi via).

UNIONE E POST-PRODUZIONE

In realtà non esiste un unico metodo per sviluppare una foto HDR da quelle che avete scattato seguendo fin qui il tutorial. Per questo cercherò si spiegarvi tutte le possibili procedure in modo che possiate scegliere quella che più si adatta alle vostre disponibilità e conoscenze:

Creare una Foto HDR con Photoshop

In questo primo metodo utilizzeremo una funzione introdotta in Adobe Photoshop dalla versione CS3 ma notevolemente migliorata nelle versioni successive del software, chiamata: Unisci come HDR Pro.

Iniziamo quindi andando in File -> Automatizza -> Unisci come HDR Pro
selezionate le 3 foto scattate ad esposizione diversa, lasciamo spuntata la voce “tenta di allineare automaticamente le immagini sorgente” e cliccate su ok.

unisci come hdr pro

Dopo qualche secondo di elaborazione si aprirà la finestra in cui andremo a settare alcuni parametri per modificare la nostra immagine HDR.

Nel riquadro principale avremo un’anteprima dell’unione delle nostre foto, mentre in basso le miniature dei file appena caricati.
Ma il riquadro più importante è quello che avremo sulla destra con i vari settaggi su cui andremo ad intervenire.

Vediamo in ordine i parametri su cui possiamo intervenire:

  • Predefinito: qui il software vi da la possibilità di scegliere tra vari settaggi predefiniti, come: surreale, saturo, fotorealistico, ecc.
  • Rimuovi effetti fantasma: funzione importante da attivare se nelle nostre foto sono presenti oggetti non in comune a tutti gli scatti, come ad esempio nuvole in movimento, uccelli di passaggio, persone, automobili o altro,
  • Metodo: possiamo scegliere se la nostra immagine dovrà essere a 8, 16 o 32 bit.

Successivamente andiamo a concentrarci sui 3 in basso andando a giocare con i vari parametri nel seguente ordine:

>> Tono e Dettagli

  • Dettagli: possiamo aumentare o diminuire la nitidezza dell’immagine;
  • Gamma: con un valore che va da 10 a 0 è un parametro che interviene contemporaneamente su luci ed ombre. Impostandolo tra 10 e 1 andremo ad accentuare le luci, mentre tra 1 e 0 accentueremo i mezzitoni;
  • Esposizione: alterare questo parametro equivale a variare l’apertura del diaframma.

>> Avanzato

  • Ombra: spostando il cursore verso destra potrete schiarire le zone d’ombra della foto mentre verso sinistra potrete scurirle ulteriormente
  • Luce: stesso discorso delle ombre, verso destra schiarirete ancora le aree illuminate della vostra foto e viceversa spostando il cursore a sinistra.
  • Vividezza: interviene sull’intensità dei colori tenui.
  • Saturazione: Con un valore da -100 (monocromatico) a +100 (saturazione doppia) regola l’intensità di tutti colori della nostra foto.

>> Bagliore Bordo

  • Raggio: interviene sui bordi presenti nella nostra foto in cui è presento una variazione di luminosità. Per ottenere un immagine più nitida dovremmo impostare un valore bassi, mentre per una foto dall’effetto surreale proviamo ad impotare un valore elevato.
  • Intensità: strettamente correlato al raggio, ne stabilisce appunto la sua intensità. Aumentando il valore di questo parametro accentueremo il contrasto dell’effetto bagliore.

Dire che non vi resta altro che giocare un pò con tutti i parametri descritti, fino ad ottenere una foto HDR che vi soddisfi!

Creare una Foto HDR con Photomatix Pro

Questo software è stato ideato e creato appositamente con lo scopo di pocessare immagini HDR.

Una volta avviato il software clicchiamo sul primo pulsante in alto “Carica Foto Bracketed” e selezioniamo successivamente le nostre foto cliccando su “Esplora” oppure trascinandole direttamente (drag & drop) e cliccando infine su ok.
Ora si aprirà una schermata dove photomatix ci chiede che tipo di processi possiamo implementare nell’immagine. Generalmente le uniche voci che lascio selezionate sono: Allinea immagini-sorgente, senza ritagliarle e la voce Riduzione Aberrazioni Cromatiche per ridurre quell’effetto ottico, rappresentato dai bordi violacei sui soggetti retro-illuminati, dovuto alla lente quando si fotografa soggetti in contro luce. Il Ghosting artifacts o Rimozione effetti-fantasma come spiegato nella procedura in Photoshop rimuove quelle sfumature dovute ad oggetti che si trovano in movimento durante i nostri 3 o più scatti. La voce Riduzione Rumore generalmente non la spunto mai in quanto preferisco farlo in post-produzione.
Senza perdere altro tempo, clicchiamo su pre-elaborazione per passare alla fase post-produzione.

Una volta che photomatix avrà completato l’elaborazione delle nostre foto apriamo, se non lo farà in automatico, il pannello Mappatura Toni/Fusione.
Il consiglio che posso darvi è quello di utilizzare inizialmente il pannello che trovate sulla destra in cui potete scegliere tra numerose configurazioni predefinite. Una volta trovata quella che più si avvicina ai vostri gusti e al risultato che volete ottenere basterà “giocare” un pò con i vari parametri che ritroviamo sul pannello di sinistra, molto simili a quelli spiegati precedentemente in photoshop.

Creare una Foto HDR con un iPhone

Per creare immagini HDR con il vostro iphone ci sono sostanzialmente 3 possibilità:

  • Utilizzare la funzione integrata della fotocameraQuesta è la soluzione più semplice ma anche quella che personalmente scarterei. In questo modo non si ottengono risultati soddisfacenti, anche perchè, in realtà la funzione integrata in iphone genera un immagine HDR elaborando una singola foto e non i classici 3 scatti come descritto fin qui.
  • Scaricare l’app gratuita HDR Photo Camera
  • Scaricare l’app a pagamento, alla modica cifra attualmente di 1,79 €, della eyeApps LLC chiamata Pro HDR

Creare una Foto HDR con Android

Per quanto riguarda gli smartphone con sistema operativo Android esistono numerose App, alcune gratuite ed altre a pagamento. Vi consiglio di dare uno sguardo sul Play Store a questa pagina.

Personalmente, per chi possiede uno smartphone Android di fascia medio alta, nel mio caso ad esempio un Galaxy S3, al contrario di iphone si ottengono ottimi risultati utilizzando la modalità HDR nativa nella fotocamera dello smartphone.

Realizzare una Foto HDR su Lightroom da un singolo scatto in RAW

Vorrei specificare prima di tutto che questa è una tecnica da utilizzare diciamo in casi estremi, o meglio in casi in cui o per dimenticanza o perchè non abbiamo avuto la possibilità, non abbiamo effettuato i nostri 3 o più scatti bracketed. L’unica cosa importante in questo caso è che la nostra foto sia almeno in formato RAW in modo che abbiamo la possibilità di intervenire sui vari parametri in lightroom senza sacrificare  notevolmente la qualità del nostro risultato finale.

Essendo una tecnica molto pratica e poco teorica vi consiglio di seguire attentamente questo video tutorial realizzato da FotoComeFare

Clicca qui per guardare il video

 

Time Lapse in HDR

La procedura è molto simile a quella descritta nell’articolo sulla tecnica del time lapse, le uniche differenze sono nella fase di scatto delle foto dove avremo l’accortezza di attivare la funzione di bracketing in modo che per ogni scatto ne vengano generati 3 ma soprattutto nella fase di post-produzione dove il primo step da eseguire è l’unione dei 3 scatti per creare l’immagine HDR che andrà a comporre il nostro video in Time Lapse. Ecco un buon esempio di un video realizzato con questa tecnica.

Piaciuto l'articolo? La media attuale è: 5,00 (2 voti) 1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

Autore:

ideatore e fondatore del blog fotografareonline.it, grazie ad una grande passione per la fotografia digitale ed il web design.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*