Attrezzatura

Filtro Polarizzatore

Con l’evoluzione ed il passaggio dalla fotografia analogica a quella digitale, i filtri fotografici che trovano ancora utilità sono veramente pochi. Il più importante tutt’oggi è sicuramente il filtro polarizzatore conosciuto anche come “polarizzatore circolare”.

L’utilizzo di questo filtro è molto importante e se ne trae il massimo vantaggio se fotografiamo spesso soggetti all’aperto o paesaggi o ancor più in generale se fai spesso fotografie in condizioni molto assolate

Cercherò ora di spiegarvi in modo semplice cosa fa e come sfruttare al meglio un filtro polarizzatore.

A cosa servono i filtri polarizzatori?

Il polarizzatore serve fondamentalmente a bloccare la luce polarizzata, impedendone il passaggio, che viene riflessa da molte superfici (non metalliche) come vetro e acqua. Questo ci permette ad esempio di restituire la trasparenza ad un corso d’acqua illuminato dal sole, che senza l’utilizzo del filtro ci apparirebbe molto chiaro a causa del riflesso del sole. In modo analogo fotografando il cielo otterremo una foto più satura perchè il filtro è in grado di bloccare la luce riflessa dal vapore acqueo presente nell’aria

Ma come si traduce tutto queste nelle nostre foto?

gli effetti principali che grazie al filtro polarizzatore otterremo sono principalmente due grazie:

  • saturazione dei colori più accentuata (nelle foto all’aperto),
  • l’eliminazione dei riflessi (totale o parziale in base alle condizioni in cui ci troviamo).

In realtà i due effetti sono strettamente correlati in quanto uno è la conseguenza dell’altro, ovvero annullando la luce riflessa dal vapore acqueo presente nell’area o ad esempio dalle foglie come illustrate nell’immagine qui in basso, i colori raggiungono il sensore della nostra reflex più saturi e più intensi.

Per capire come si traduce tutto questo in termini pratici ecco alcuni esempi, dove riprendiamo con e senza filtro polarizzatore la stessa inquadratura. L’aspetto più evidente in questo esempio sono le foglie che nella foto a sinistra (senza filtro) riflettono la luce solare, mentre a destra utilizzando il filtro viene rimosso il riflesso ed accentuata la saturazione dei verdi.

 

 

Un effetto ancor più sorprendente del filtro polarizzatore si ha fotografando i corsi d’acqua. Eliminando i riflessi si riesce a cogliere maggiori dettagli e colori del fondo, regalando alla foto un aspetto molto più interessante.

Nei seguenti scatti eseguiti a 5 secondi di distanza, con la fotocamera fissata sul treppiede che inquadra lo stesso soggetto, è possibile ammirare che utilizzando il filtro polarizzatore sembra quasi che l’acqua sparisca se non fosse per le piacevoli increspature che ne garantiscono la presenza.

Come si usa un filtro polarizzatore?

Come illlustrato nell’immagine di seguito i filtri polarizzatori che troviamo oggi in commercio si compongono da due elementi circolari sovrapposti e ruotanti. l’elemento A, che dispone delle ghiera filettata va avvitato nella parte frontale del nostro obiettivo, mentre l’elemento B, che ruota liberamente, serve a controllare la polarizzazione. Infatti per avere un riscontro immediato, una volta montato il filtro all’obiettivo della reflex proviamo ad inquadrare un soggetto dove è presente u riflesso e guardando nel mirino o in modalità Live View proviamo a ruotare il filtro polarizzatore in modo da adattare le ghiere alla direzione da cui proviene la luce, vedrai immediatamente come spariranno man mano i riflessi, se presenti, ed i colori cambieranno.

Non è detto però che sia sempre utile utilizzare un filtro polarizzatore. Un metodo molto semplice ma efficace per stabile se utilizzarlo o meno è la regola del pollice:
apriamo l’indice ed il pollice in modo da formare una pistola, puntando il pollice verso il sole e ruotando la mano in senso orario o antiorario, l’indice ci indicherà la porzione di campi in cui a senso utilizzare il filtro.

In modo molto più semplice, basta fare attenzione in modo da avere il sole alla propria destra o sinistra. Quindi fotografando in controluce, ovvero con il sole frontale o alle nostre spalle, l’utilizzo del filtro polarizzatore non influenzerà minimamente sulla nostra foto.

L’ultimo consiglio relativo all’utilizzo del filtro è di fare attenzione ai parametri tempo/diaframma impostati sulla tua reflex, bisogna tener conto che il filtro ostruisce leggermente il passaggio della luce attraverso l’obiettivo a seconda del modello, per questo motivo per ottenere la stessa foto ottenuto senza polarizzatore bisogna incrementare di 1-2 stop.

Alcuni accorgimenti prima dell’acquisto

prima di acquistare un filtro polarizzatore fate riferimento all’obiettivo della vostra reflex sul quale intendete montarlo. In primo luogo è molto importante conoscere il diametro della lente frontale che varia a seconda dell’obiettivo. Di conseguenza il polarizzatore per essere compatibile con l’obiettivo, deve avere lo stesso obiettivo.

Per individuare il diametro della nostra lente basta notare il simbolo presente sull’obiettivo stesso. Per esempio se troverete  il simbolo Ø 50 ciò vuol dire che il diametro è uguale a 50 mm e quindi il filtro polarizzatore da acquistare dovrà essere anch’esso da 50mm.

Un altro aspetto da tenere in considerazione è se ruota la parte frontale dell’obiettivo. Nei modelli economici, mettendo a fuoco noterete che ruota tutta la parte frontale dell’obiettivo e di conseguenza il filtro polarizzatore.

siccome la polarizzazione cambia in base alla rotazione del filtro, mettendo a fuoco con questo tipo di obiettivi si provoca una variazione della polarizzazione. Per ovviare a questo problema è abbastanza semplice, basta rispettare questa semplice procedura:

  • comporre la vostra foto
  • mettere a fuoco
  • bloccare la messa a fuoco: disattivando l’autofocus e bloccandola premendo il tasto AF-L
  • ruotare il polarizzatore
  • scattare la foto

Queste operazioni vanno ripetute ad ogni scatto, specialmente durante un cambio d’inquadratura. Per questo motivo è bene sempre utilizzare un obiettivo che utilizzi una messa a fuoco interna.

Quale filtro polarizzatore comprare?

Il funzionamento dei filtri polarizzatori è semplice ed uguale in tutti i vari modelli in commercio, ma come ogni prodotto ne esistono svariati livelli in termini di qualità.

 

Filtro Circolare da 77mm

Filtro Hoya 77mm

Piaciuto l'articolo? La media attuale è: 5,00 (3 voti) 1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

Autore:

ideatore e fondatore del blog fotografareonline.it, grazie ad una grande passione per la fotografia digitale ed il web design.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*